La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » SUI MONTI DI BELLUNO

SUI MONTI DI BELLUNO

DSC_5974Correre in montagna ha sempre un suo fascino: sarà per la cornice di monti che ti attornia, con le vette imbiancate cha danno maggiore luminosità, o forse per il clima che è sempre più secco della pianura; fatto sta che la campestre svoltasi il 23 novembre a Pian Longhi in provincia di Belluno è stata davvero magnifica.

Per gli atleti Union sveglia prima dell’alba e partenza dal polisportivo comunale alle ore 6.30 in corriera; all’arrivo al campo di gara un bel fresco ha accolto tutti e dopo la preparazione del punto di raccolta sociale, tutti a vedere il percorso.

Sul percorso spendiamo volentieri 2 parole in quanto davvero impegnativo, mai banale, con moltissimi saliscendi in un terreno discretamente morbido, con dei tratti pesanti ed una salitella finale non molto inclinata, ma insidiosa; il tutto ha messo davvero a dura prova la resistenza degli atleti costretti ad uno sforzo costante e qualche curva a gomito sparsa qua e là ha di certo contribuito ad affaticare ulteriormente le gambe.

Il sole splendente ha intiepidito per bene la mattinata ed ha reso ovviamente ancor più bella la festa sportiva con una partecipazione degna di una finale nazionale visti i quasi 1000 atleti che hanno preso il via ed il dominio delle compagini bellunesi che hanno raggiunto punteggi record per una gara regionale, con qualche insidia portata in particolare dalla Polisportiva Dueville, giunta al terzo posto ed una bella figura comunque delle vicentine con Atletica Valchiampo ed Union Creazzo nona e decima. Il punteggio di 1112 punti raggiunto dalla Castionese, vincente, è davvero impegnativo da recuperare; basti pensare che la seconda, ovvero il gruppo sportivo Astra ha realizzato 809 punti ed il Dueville, terzo, 644 con Valchiampo ed Union a 356 e 310 punti.

Union creazzo presente alla regionale con 38 atleti suddivisi equamente fra vategorie giovanili e assolute; peccato per qualche defezione dell’ultimo minuto, che avrebbe sicuramente valso una posizione migliore nella classifica generale; ad ogni modo i risultati non sono mancati nonostante l’agguerrita concorrenza dei “montanari” che in fatto di fiato sono davvero dotati.

Brava Laura Sartori nelle esordienti che dopo una partenza in sordina recupera terreno e nel finale piazza un bell’allungo che le vale il decimo posto su ben 77 atlete partenti; un po’ di rimpianto invece per Anita Francis che nelle ragazze conduce la gara fino all’erta finale in cui viene recuperata dalle avversarie, ma nella discesa verso l’arrivo fa valere il suo agonismo e si piazza buona quarta su un lotto di ben 82 partecipanti; nella categria cadette la buona prestazione va riferita alla squadra in generale, con ben 4 atlete nei primi 22 posti su un totale di 81 iscritte e Camilla Citarella a fare da capo fila in ottava posizione seguita a pochi secondi da Caterina Urbani che dopo l’opaca prova di Sarcedo sfodera la grinta che le appartiene e giunge undicesima, quindi Leila Cattani sedicesima e Chiara Alba Munari ventiduesima.

Nella categoria amatori A femminile conferme per lo stato di forma di Sara Zerbinati giunta al sesto posto e migliore delle vicentine, ed il presidente Fabrizio Micheletto nella pari categoria maschile a dimostrazione della ritrovata forma fisica giunge al sesto posto.

Chiudiamo con Francesco Palma decimo negli amatori B e Giovanni Giacomazzi undicesimo nei veterani.

Un bravo a tutti gli altri atleti Union che hanno partecipato alla manifestazione e si sono tutti impegnati davvero molto nel bello e difficile percorso di gara.

Buona anche l’organizzazione con i tempi di gara perfettamente rispettati ed il pranzo offerto a tutti gli atleti delle categorie giovanili con la pasta oppure il panino col “pastin” davvero squisito.

Le premiazioni di tutte le categorie e delle società, iniziate verso le 13.50 hanno dato degna conclusione a questa prima prova regionale a cui seguirà la seconda a Tezze sul Brenta il 22 febbraio con l’assegnazione del trofeo Franceschini per il quale la società Castionese ha già posto una bella ipoteca.