La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » NAZIONALI SU PISTA A PESCARA 2° PUNTATA: MEDAGLIE MEDAGLIE MEDAGLIE

NAZIONALI SU PISTA A PESCARA 2° PUNTATA: MEDAGLIE MEDAGLIE MEDAGLIE

Anche dalle nazionali di Pescara l’Atletica Union Creazzo esce con un cospicuo bottino di medaglie che hanno impreziosito il già annunciato splendido risultato dell’intera squadra; un’abitudine questa che mai stanca perché la gioia di vedere gli atleti sul podio in qualsiasi posizione ed a qualsiasi età è sempre un momento emozionante; ancor maggiore quando il premio alla fatica arriva in maniera inaspettata favorendo magari il sorriso di chi fino al giorno precedente non si capacitava per la delusione della propria prestazione in gara.

Citiamo a proposito il caso di Elena Ferrarin e Francesca Pasini, decisamente deluse dalle loro prestazioni del venerdi, ma capaci di trasformare questa delusione in grinta e determinazione che hanno fruttato una spettacolare medaglia d’argento nella staffetta 4×100 giovanile femminile insieme alle compagne Diletta De Cao ed Elena Santorini, a pochi decimi dal Dueville, in una gara intensa ed in bilico fino all’ultimo metro. Il tempo di 54”99 conferma quanto di buono le atlete hanno saputo mettere in campo considerato anche il fatto che 3 di loro, all’ultima gara di categoria, hanno saputo mettere la ciliegina sulla torta ad un percorso che le porterà ora ad affrontare le ben più difficili sfide delle categorie assolute; un ricordo che sicuramente resterà indelebile nei loro cuori.

Ma quante altre storie si possono raccontare……

Partendo dalle medaglie d’oro il primo successo Union è targato Enrico Sartori nel salto in alto amatori B; il nostro capo gita è sempre un leone quando si batte e sa estrarre dal cilindro prestazioni sempre esaltanti; la misura di metri 1,56 gli vale l’oro accompagnato da un bronzo nel salto in lungo con metri 5,39 che di sicuro è stato molto più emozionante dell’oro visto che la gara fino all’ultimo salto è stata in bilico e la ferita subita da Enrico al primo salto sembrava potesse in qualche modo compromettere la gara; il nostro atleta ha saputo invece reagire da par suo e saltare la misura del bronzo all’ultimo salto in un finale in cui i botta e risposta sono stati all’ordine del giorno: spettacolo!

Finalmente oro per Elena Santorini negli 80 metri cadette: una preparazione curata ed un impegno costante per tutta la stagione hanno dato i loro frutti a questa atleta che saluta la categoria cadette nel migliore dei modi, con una gara in sicurezza nelle batterie chiuse in 10”66 ed una finale d’autorità chiusa con un lanciato impressionante in 10”33 con purtroppo un po’ troppo vento a favore per poter omologare il risultato che avrebbe riscritto anche il record sociale; più prudente nei 300 metri, Elena ha saputo reagire ad una partenza così così con un finale in gran recupero ed una medaglia di bronzo in 43”01 che manco a dirlo è il nuovo record sociale: protagonista!

Oro per Massimiliano Cattani nei 200 metri amatori B in 25”80: la quindicesima medaglia d’oro ai campionati nazionali arriva per Massimiliano nella gara in cui forse meno si aspettava di poter vincere. Dopo un paio di anni a secco sono arrivate 3 medaglie: un bronzo nei 100 metri in una finale combattutissima con l’argento a 5 centesimi e l’oro poco più in là ed il tempo di 12”68, leggermente ventoso ma sicuramente confortante dopo le batterie chiuse in 12”83 ed il bronzo nei 400 metri in 57”43 a pochi decimi dal secondo posto con una bella battaglia finale anche in questo caso; nei 200, considerati gli stessi compagni di finale dei 100, le speranze si sono concretizzate per Massimiliano in una gara di attacco fin dai primi metri con un finale in cui non ha mollato neanche in centimetro alla rimonta degli avversari con cui si è abbracciato nel finale per la bellezza ed intensità delle gare che li ha visti correre da protagonisti: continuità!

Oro per Nicole Capitanio nel salto in lungo ragazze con il nuovo record sociale di metri 4,71 e non solo: argento nei 60 ostacoli in 9”78 e bronzo nel vortex con metri 42,45.

La poliedrica Nicole ha lasciato il suo sigillo in ogni specialità a cui ha preso parte concludendo il suo percorso nella categoria ragazze nel migliore dei modi; recuperati gli acciacchi patiti in estate è riuscita ad esprimersi ancora una volta ad alto livello completando così il suo percorso stagionale che l’ha vista davvero impegnata a fondo negli allenamenti ed anche nei vari servizi resi durante le gare organizzate in quel di Vicenza: in viaggio verso il futuro!

Tripletta d’argento per Leila Cattani nei 100 metri in 13”20 con le batterie corse in 13”27, 200 metri in 27”20 e 400 metri in 1’03”47, con gli ultimi 2 tempi che riscrivono i record sociali. Una conferma per questa atleta che ha conquistato, comprese le staffette, la bellezza di 5 medaglie; atleta oramai matura ha saputo distribuire bene le fatiche delle gare regalando ai tifosi una frazione nella staffetta 4×400 davvero emozionante; peccato per quella scivolata in partenza della finale dei 100 metri che avrebbe potuto regalarle anche l’oro, ma anche molto bello il recupero nel finale della gara dei 400 metri: strategia!

E’ di argento la gara dei metri 200 di Leonardo Scotuzzi nella categoria allievi in 24”10; sta prendendo coscienza delle proprie potenzialità e dopo aver quasi meditato di lasciare l’atletica, ora si ritrova con una medaglia nazionale al collo, messaggio chiaro che dice che le potenzialità ci sono e vanno sicuramente coltivate con continuità per confermare in futuro, se non migliorare, i risultati finora conseguiti; ne sono ulteriore conferma le gare dei 100 metri, batterie corse in 11”88 e finale corsa in 11”90 che gli ha fruttato un più che onorevole quarto posto: un buon inizio!

Ancora argento per Diletta De Cao nel salto in lungo ragazze con metri 4,57 a suggellare una doppietta Union che ha colorato per una volta il podio dei colori creatini; per lei anche il 17° posto nei 60 metri corsi in 9”10 ed il quarto posti nel salto in alto con metri 1,34. Sta crescendo Diletta e lo si vede anche nel modo in cui ha cambiato le sue prestazioni; se lo scorso anno era d’argento nel salto in alto, ora, grazie ad una maggiore velocità ed allenamenti diversi ha migliorato anche le sue doti nelle altre specialità: in crescita!

Rebecca Ghezzo si toglie una soddisfazione d’argento nel salto triplo allieve con la misura di metri 9,67; la sua brillantezza, soprattutto nelle partenze dai blocchi è cosa nota fin dagli scorsi anni e pure in questo ha confermato grinta ed affidabilità anche nelle staffette e con la velocità immediatamente disponibile si è ricavata un posto di lusso nei salti in cui ha trovato il premio alle proprie fatiche corredato anche dal sesto posto nel salto in lungo con metri 4,69; nei 100 metri è 16° in 13”83: scatto felino!

Arriva anche il bronzo di Caterina Urbani nel salto in alto junior con metri 1,40; positivo il percorso di questa ragazza che sta unendo all’attività fisica anche quella coordinativa prestandosi a vari servizi all’interno della società, compreso quello di accompagnatrice in questa trasferta pescarese insieme all’inseparabile amica Alessia Grignolo; per Caterina anche il quinto posto nel salto in lungo con metri 4,64: impegnata!

Anche Laura Sartori si toglie la soddisfazione della medaglia di bronzo nel salto in alto cadette con metri 1,46; interessante vedere la sua gara, piena di ripartenze fino all’ultimo secondo disponibile per trovare la giusta motivazione per saltare una barriera che diventa sempre più alta; un ostacolo quello mentale che Laura ha saputo e dovuto combattere per un bel pezzo di gara arrendendosi poi alla fine, ma dimostrando di avere i mezzi per poter ambire a misure sicuramente più alte. Laura è anche 14° nel salto in lungo con metri 4,21 e nona nel giavellotto con metri 23,47: su le gambe!

Letizia Parlato ha compiuto la sua piccola impresa personale conquistando la medaglia di bronzo nel salto triplo allieve con metri 9,61 accompagnando sul podio Rebecca Ghezzo; un bel thrilling la gara di Letizia che conquista la medaglia con pari misura rispetto alla quarta, ma con una seconda misura migliore e la soddisfazione la si è potuta veramente vedere negli occhi di quest’atleta che ha anche accettato senza indugi di correre la staffetta 4×100 che le ha portato anche un altro bronzo; è anche 14° nel lungo con metri 4,18: affidabile!

L’ultima medaglia individuale la riserviamo a Sergio Capozzi, sicuro ed affidabile soprattutto nel salto in lungo veterani ove si esprime sempre ad alti livelli ed anche quest’anno non è stato da meno con la misura di metri 4,89 ed una tecnica di salto che dovrebbe essere studiata dai più giovani perché Sergio ha fatto del gesto tecnico e soprattutto dell’arrivo in buca uno dei suoi punti di forza; peccato per quei nulli millimetrici che sembrano sempre valere misure migliori, ma che purtroppo non vengono mai misurati, neanche per curiosità. Sergio è anche sesto nel getto del peso con metri 8,98 e quarto nel disco con metri 30,96 che migliora il già suo record sociale: saggezza!