La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » LA LUNGA ATTESA

LA LUNGA ATTESA

Dopo una lunga attesa il tempo meteorologico ha deciso di mettere finalmente la testa a posto e da fine Maggio le giornate soleggiate hanno decisamente preso il posto dei fine settimana costellati di nubi e pioggia battente che hanno costretto in più occasioni a rinviare le previste gare: ne hanno fatto principalmente le spese le prove regionali con la gara di Domegge ahimè di fatto irrecuperabile, mentre nel mese di Giugno ci sarà il recupero della prova di Tezze sul Brenta ed il gran finale di Ponzano.

Lunga attesa anche per l’acquisizione dei risultati delle gare provinciali; basti pensare che per la gara di Dueville disputatasi il 26 Maggio, la prima classifica, peraltro provvisoria è uscita solamente da pochissimi giorni.

Ci auguriamo che sia possibile trovare rimedio a questa situazione tenuto conto anche del fatto che per le gare nazionali i risultati di appuntamenti provinciali e regionali sono essenziali per poter accreditare squadre ed atleti, ma anche gli stessi resoconti delle attività subiscono lungaggini che sarebbe bello poter evitare anche per dare “a caldo” le impressioni delle gare come avviene nella stagione invernale.

A mente fredda intanto la seconda prova di Dueville ha confermato le buone cose viste in occasione del primo appuntamento, con un’organizzazione che, finalmente rodata, ha permesso lo svolgimento delle gare senza i notevoli ritardi dell’appuntamento precedente, in una giornata soleggiata e non troppo calda.

Ma cominciamo subito con l’ampia sintesi dei risultati che vedono già da subito tra le ragazze brillare la stella di Nicole Capitanio che all’ultimo anno di categoria non si vuole far sfuggire nulla e nei 60 metri ragazze si aggiudica la gara in 8”6. Nei 200 metri al femminile Caterina Urbani è terza in 29”1, Elisabetta Maran pur acciaccata riesce a denti stretti a conquistare la seconda piazza in 29”3 ed Evelin Gianello è terza fra le amatori B con 33”6, ma è Lucia Pigato la star del 200 metri perché nella categoria veterane con il tempo di 36”9 riscrive il record sociale che vale oro. Al maschile è Leonardo Scotuzzi a ben figurare, terzo con il tempo di 23”9 ed il record sociale sul mirino.

Francesca Pasini è quinta nei 300 metri cadette in 50”1 ed Edoardo Fin nei pari età maschi dimostra si non essere solo mezzofondista, ma di sapersi cimentare con successo anche nella velocità resistente; il suo terzo posto nei 300 metri in 41”1 ne è prova evidente. Nei 100 metri junior Chinedu Agu per questioni di centesimi è quarto in 11”6 e Fulvio Capozzi in 11”8 è quinto fra i senior, mentre Massimiliano Cattani, reduce dal doppio argento nei campionati italiani staffette Master svoltisi in Toscana il giorno precedente, si aggiudica la gara negli amatori B con il tempo di 12”6, e chiudiamo con il quarto posto di Sergio Capozzi nei veterani A con 14”6.

I 3000 metri amatori al femminile regalano podi e record grazie a Sara Zerbinati che è seconda nelle amatori A con 11’27”3 e Lorena Zolla nelle amatori B che con il tempo di 13’10”6 si regala un argento che riscrive il record sociale e ci fa scoprire una nuova atleta di valore.

Metri 800 leggermente sottotono, ma con l’acuto di Alex Mazzi ed Alessandro Ferrarin che sono primo e secondo negli amatori A con Alex che in 2’14”5 è sicuramente abituato al podio, mentre sprizza di gioia Alessandro che si fregia dell’argento con 3’02”8.

Nei salti è Diletta De Cao la reginetta di giornata; con metri 1,37 nel salto in alto si aggiudica la prima posizione dimostrando una buona versatilità; tra le cadette Laura Sartori ed Elena Santorini continuano sul cammino tracciato da Diletta e sono prima e seconda con metri 1,43 e 1,40, ma la festa non è finita perché fra gli amatori al maschile Giovanni Alba vince tra gli amatori A con metri 1,49 e ben 4 atleti Union sono protagonisti negli amatori B con Enrico Sartori che al pari della figlia Laura vince la gara con metri 1,55, Luca Zanon è argento con 1,49, Marco Neffat è bronzo con 1,43 ed Andrea Oliviero è quarto con 1,35.

Non manca fra i salti il lungo che vede fra le esordienti una buona Elisa Furlani quarta con metri 3,77; fra i ragazzi è sesto Giancarlo Faggionato con metri 4,19, quindi Edoardo Fin è quinto nei cadetti con metri 4,80, mentre Fulvio Capozzi, memore degli insegnamenti del padre Sergio non si fa sfuggire la prima piazza nella categoria senior e con metri 6,06 mette nel mirino il record sociale.

Salto triplo positivo per Letizia Parlato quarta con metri 9,19 seguita a ruota da Rebecca Ghezzo con metri 9,11.

I lanci portano ancora soddisfazioni a partire dalla solita Nicole Capitanio che tra le ragazze primeggia decisamente con metri 41,33 a pochi centimetri dal record sociale della sorella Annie.

Si ripete l’accoppiata Laura Sartori ed Elena Santorini nel getto del peso cadette con la prima sempre in testa con metri 8,77 mentre Elena è terza con metri 7,70 e bene pure le junior Caterina Urbani ed Alessia Grignolo che conquistano le prime due posizione con i loro lanci a metri 6,89 e 6,51 con Paola Pranovi seconda nelle amatori A con metri 5,92 e la festa finale delle amatori B che monopolizzano il podio grazie a Nadia Gaspari prima con 7,18, Lara Vencato seconda con 6,82 e Dina Bevilacqua terza con metri 6,74.