La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » NAZIONALI CSI DI CORSA CAMPESTRE. LA PISTA DI MONZA: STAFFETTE

NAZIONALI CSI DI CORSA CAMPESTRE. LA PISTA DI MONZA: STAFFETTE

Dopo aver passato la seconda parte del pomeriggio sulle rive del Lago di Como nella città di Lecco, con gelato offerto a tutti i partecipanti, l’allegra brigata creatin leonicense si è spostata in Hotel per cena e preparativi per le staffette della Domenica che chiudono come al solito il programma della trasferta nazionale.

Ci ha pensato il direttore tecnico Massimiliano Cattani ad allestirle, nella mattinata del sabato con le solite trattative per cercare di dare non solo a tutti la possibilità di correre, ma anche l’occasione di conoscere altri amici e di avere magari qualche soddisfazione in più dai risultati ottenuti in classifica.

Quest’anno, complici anche i numeri perfettamente concordi tra Creazzo, Lonigo e Dueville, si sono allestite tutte le staffette in tempi davvero brevi, con l’inserimento di un solo atleta bellunese che con l’Union Creazzo ha un rapporto di grandissima amicizia: Federico Dai Pra, persona speciale che viene considerato fin da quando lo si conobbe come parte della squadra.

Ci hanno pensato gli amatori Alberto Gaianigo, Massimiliano Cattani, Giovanni Alba ed Alfonso Finetto a farlo sentire come a casa, costituendo una staffetta ad hoc che si è piazzata al 44° posto, ma il piazzamento era in questo caso la cosa meno importante.

Ma andiamo con ordine: le staffette si sono svolte, come già accennato, nella stessa zona del Parco di Monza ove avevano preso il via le gare del sabato, con due percorsi allestiti, l’uno dedicato alle categorie giovanili, con le parti iniziale e finale su asfalto, mentre la parte centrale è stata ricavata sul manto erboso e l’altro, dedicato alle categorie assolute, su un anello tutto asfaltato che girava attorno alla collinetta ove stazionava il percorso della campestre.

Fortunatamente il traffico questa volta non ha ritardato l’arrivo degli atleti, ed il tempo meteorologico ha fortunatamente concesso una tregua, anche se erano previste delle piogge; unico intoppo l’arrivo in ritardo dell’ambulanza senza la quale giustamente le gare non avrebbero potuto disputarsi.

E quindi via agli spari di pistola e subito con le categorie giovanili femminili la prima vera ed unica opportunità per i creatini di poter ambire ad una medaglia con la formazione composta da Giada Baldan, Elena Santorini, Angelica Maran, Gaia Nicoletti ed Emily Faccin, la più forte cadetta vicentina; una gara tiratissima ed entusiasmante in cui le atlete di Creazzo hanno preparato il terreno per l’affondo finale di Emily che ha chiuso la gara con soli 4 decimi di distacco dalla squadra che si è classificata al terzo posto!

Una bella occasione che purtroppo non si è trasformata in medaglia, ma sicuramente sarà elemento di riflessione per le ragazze che da questo quarto posto avranno sicuramente ottimi insegnamenti da apprendere perché l’occasione era davvero ghiotta.

Per Sara Alba, una staffetta con 4 compagne del Dueville ha fruttato una ottima 10° posizione, quindi Emilia Legumi, Camilla Massignan, Matilda Stefani e Laura Sartori hanno corso con una compagna del Lonigo raggiungendo la 27° piazza seguite a ruota da Diletta De Cao e Francesca Pasini con altre 3 compagne del Dueville.

Al maschile la situazione era decisamente più difficile visti i risultati del sabato, ma Edoardo Fin ed Elia Arpegaro hanno corso davvero bene ed insieme a 2 compani del Dueville ed uno della Polisportiva Limena sono riusciti a cogliere un ottavo posto che rende merito al loro impegno, con un bravo in particolare ad Elia che fino a poco prima della gara non era in perfetta forma, ma ha saputo tirare fuori dal cilindro la grinta che serviva per affrontare la gara.

Alberto Ferrarin e Samuele Fortuna sono 35° insieme ai compagni duevillesi e Nicolò Rossi con Giancarlo Faggionato giungono al 37° posto con gli amici leoniceni.

Poche le possibilità nella categoria assoluta femminile da parte delle nostre, ma la voglia di esserci, per godere ancora una volta del piacere del tifo e del correre assieme è sempre superiore; così Elisa Faccini, Rebecca Ghezzo e Giulia Rinaldi, assieme alle amiche del Lonigo giungono al 17° posto ed Elisabetta Maran, Alessia Grignolo e Caterina Urbani sono 19° con le compagne del Dueville.

Infine le staffette assolute in cui Daniel Legumi ha saputo compiere il suo dovere nonostante lo stomaco gli ribollisse e con i compagni di squadra di Dueville e Valchiampo si piazza al 26° posto.

SI chiude così questo ennesimo campionato nazionale da cui la compagine creatina non torna con medaglie, ma con la certezza di avere un gruppo ben assortito e capace di ottenere risultati che dimostrano non solo continuità, ma anche sono prova del buon lavoro che tutta la macchina organizzativa, a partire dal gruppo direttivo, per finire con gli allenatori e capace di fare per dare la ossibilità a tutti, giovani e meno giovani di assaporare la bellezza dell’atletica.

E la stagione su pista è lì pronta per accogliere le nuove sfide che riempiranno i mesi primaverili ed estivi.