La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » CREAZZO METTE LA FRECCIA

CREAZZO METTE LA FRECCIA

La pista di Agordo porta bene all’Union Creazzo che anche nel 2014 seppe sfruttare la prova regionale organizzata nella splendida località alpina del bellunese per piazzare un acuto vincente.

Quattro anni dopo il copione si ripete con tante medaglie ed il sorpasso nei confronti della Polisposrtiva Dueville che aveva primeggiato nella prima prova di Tezze sul Brenta.

Una trasferta sull’onda del “pochi ma buoni” con poco meno di 40 atleti Union presenti in gara, ma complice forse la fine della scuola o la splendida e calda giornata, anche le altre formazioni si sono presentate a ranghi ridotti favorendo quindi l’affermazione della società creatina che ha evidentemente avuto il merito di presentarsi comunque agguerrita.

Partenza in pullman per i più mattinieri alle ore 6.15 alla volta di Agordo dove le gare sono puntualmente cominciate alle ore 9.30 con il mezzofondo amatori ed assoluti per poi conlcudersi verso le ore 16.00 con le staffette 4×100 con una veloce pausa alle ore 13.00 per permettere agli infaticabili giudici la sosta per il pranzo gestito nei pressi del campo sportivo locale con insalata di riso, pizzette, toast e panini a volontà.

Fortuna che più di qualche nuvola ha solcato il cielo rendendo la giornata sportiva un po’ meno pesante visto che l’ombra era decisamente poca, considerate le tribune scoperte, ed anche un discreto venticello ha contribuito a rinfrescare gli animi, un po’ meno le prestazioni degli atleti, in parte ovviamente condizionate dalle folate che hanno imperversato per il campo durante tutta la giornata e soprattutto al mattino.

E così, con 209 punti totali Creazzo mette la freccia e prenota l’appuntamento con la finale regionale del primo Luglio con la maglia di leader con la Polisportiva Dueville che comunque non demorde pagando poco meno di 30 punti nella classifica di giornata e solo 12 nella combinata.

Terza forza regionale il Colli Berici che stacca decisamente la Salf Altopadovana e quindi Brentella e Caselle, rappresentanti del CSI padovano, che ben lontane dalle prime quattro si disputeranno la quinta piazza essendo distanziate di pochissimi punti.

Davvero tante le medaglie conquistate dagli atleti Union in questo frangente ed una strizzata d’occhio alle numerose famiglie che con genitori e figli hanno contribuito davvero tanto alla bella prestazione in quel di Agordo: basti pensare a papà Enrico Sartori e figli Michele e Laura, Mamma Daniela Rigodanzo con la figlia Elisa Faccini, Massimiliano Cattani con Leila, Giovanni Alba con Sara, Laura Cabezzoni con le figlie Giulia ed Elisabetta Rinaldi, Mauro Boron con il figlio Nicolò, i fratelli Francesco e Diletta De Cao e la felice coppia Vito Zamunaro con moglie Dina Bevilacqua, testimonianza di un’atletica trasversale in cui si vivono davvero intensamente la gioia ed il tifo reciproco.

E subito tra i risultati il record sociale di Elisabetta Rinaldi nei 50 ostacoli esordienti che con 9”9 conquista la quinta piazza.

Velocità cadette con Rebecca Ghezzo ed Elena Santorini in evidenza negli 80 metri con quarto e quinto posto in 10”7 e 10”8 e grande festa fra i maschi di pari età con Nicolò Boron e Leonardo Scotuzzi a parimerito al secondo posto con in tempo di 9”9.

Nei 200 metri amatori A vittoria in grande spolvero per Simone Zarantonello che in 24”2 annichilisce la concorrenza e prenota un posto sul podio alle nazionali, mentre Massimiliano Cattani con una grande curva ottiene un ottimo argento negli amatori B in 25”3 e Mauro Boron è sesto in 30”0; nei senior si fa vedere Sebastian Tiso con la quinta posizione in 25”3.

Nei 400 metri fioccano i record sociali ad opera di Leila Cattani nelle allieve che fa le prove generali per i campionati italiani di Rieti e vince in un comodo 1’02”4 con le avversarie molto lontane; quindi Agu Chinedu che di gara in gara migliora e con 56”9 si piazza quinto negli allievi; Elisabetta Maran non finisce più la lista dei suoi miglioramenti e con 1’06”4 chiude seconda fra le senior con lo scontato record sociale; seconda piazza anche per Sara Zerbianti nelle amatori A con 1’14”3 e bene Dina Bevilacqua nella amatori B, quarta in 1’24”0.

Sara Zerbinati si ripete nei 1500 metri in una gara in cui ha coraggiosamente tentato di tenere il ritmo della battistrada chiudendo seconda in 5’21”5.

Nella gara iniziale di giornata, ovvero i 5000 metri è buon quarto Giovanni Alba negli amatori A con 22’24”9, mentre nella marcia ragazze le nostre portacolori Diletta De Cao e Sara Alba sono seconda e quarta in 14’15”1 e 14’37”7.

Nei lanci buoni piazzamenti per i fratelli Sartori con Laura quarta nel giavellotto ragazze con metri 20,46 ed il fratello Michele a podio nel disco allievi con metri 24,28 che gli valgono il terzo gradino e molto bene nel disco anche le amatori B grazie ai lanci di Dina Bevilacqua e Maria Cecchinato che sono terza e quarta con metri 14,90 e 14,44 con anche Laura Cabezzoni sesta con 13,64 e Daniela Rigodanzo ottava con 9,40; è quindi quarta Alessia Grignolo nel peso junior con metri 5,90.

Salti ed emozioni come da sempre caratteristica degli atleti creatini e questa volta sono Laura Sartori nelle cadette ad innescare la miccia con la vittoria nel salto in alto con metri 1,49 ed Elisabetta Maran fra le senior che con metri 1,47 oltre che vincere stabilisce anche il nuovo record sociale e quindi le ormai omnipresenti amatori B Maria Cecchinato e Laura Cabezzoni che sono terza e quarta con metri 1,20 ed 1,15.

Parimenti il salto in lungo è stato davvero ricco di risultati con marchio Union a partire già dalle ragazze con il quarto e quinto posto di Sara Alba e Diletta De Cao con metri 4,10 e 4,06; vittoria in scioltezza per Leila Cattani fra le allieve con metri 4,80 con Letizia Parlato e Chiara Munari quarta e quinta con 4,26 e 4,22; Alessia Grignole è seconda nelle junior con metri 4,29 e Luca Campagnolo, alla sua prima stagionale con la maglia Union è terzo negli allievi con metri 5,86, ma le emozioni più forti arrivano dagli amatori B con una gara tiratissima fino all’ultimo salto in cui sono usciti salti di grande spessore con Enrico Sartori a mettere il sigillo alla gara con un ottimo 5,40 seguito da Massimiliano Cattani splendido secondo con metri 5,37.

Ultime emozioni dalle staffette in cui le portacolori creatine Letizia Parlato, Elisabetta Maran, Leila Cattani e Chiara Munari dominano letteralmente la 4×100 realizzando anche l’ottimo tempo di 53”0 che migliora il record sociale della staffetta vincitrice delle nazionali lo scorso anno prenotando quindi un posto in prima fila per le gare a Cles di Settembre.

L’appuntamento regionale di Ponzano del primo Luglio diventa così fondamentale per definire le sorti di Creazzo che se saprà rispondere come sa fare potrà aggiungere un bel sigillo a questa già splendida stagione.