La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » L’ANNO SCORSO C’ERA LA NEVE……….

L’ANNO SCORSO C’ERA LA NEVE……….

Comincia da Trissino la corsa per la conquista del campionato regionale di corsa campestre CSI dopo il rinvio a causa della “dama bianca” della prova di Castion prevista in Dicembre.

E per chi si ricorda lo scorso anno, protagonista della gara svoltasi nella medesima località della Lovara fu proprio la neve che rese speciale la giornata.

Quest’anno di speciale c’è stato il festeggiamento, avvenuto durante le premiazioni, della società ospitante che ha celebrato davanti ai rappresentanti delle varie squadre regionali i suoi 10 anni di attività, con una strizzatina d’occhio al Tezze sul Brenta che ha signorilmente ceduto l’organizzazione della gara regionale ai trissinesi, permettendogli così di avere il proprio degno palcoscenico.

Molto bello il campo di gara, lo stesso dello scorso anno, allestito in una splendida vallata con uno bel sole a corredo e molto bene la macchina organizzativa con molti volontari a seguire l’intenso traffico di auto e pullman in arrivo da ogni dove del Veneto ed il ristoro con le pizze cotte con i forni a legna appositamente montati.

Splendido pure il percorso di gara che quest’anno non ha subito le necessarie limitazioni imposte dalla coltre nevosa presente lo scorso anno: un bel rettilineo iniziale seguito poi da alcuni tratti in salita e discesa che conducevano all’erta finale composta da ben 4 tornati tramite cui si accedeva ad una lunga discesa che riportava all’arrivo in leggera salita; tecnico, ma anche discretamente veloce ed interamente visibile dal pubblico.

Ampi gli spazi dedicati ai gazebo delle società che hanno fatto del ritrovo per le gare un momento di festa grande; è usuale oramai vedere in più di qualche postazione salumi, panettoni e bevande dei più vari tipi a dimostrazione che il momento agonistico è divenuto anche occasione per festeggiare la gioia dello stare assieme.

Davvero molti gli iscritti con alcune gare, in particolare l’ultima, dedicata a junior, senior ed amatori A e B maschile che probabilmente avrebbe dovuto essere divisa in due serie visto che anche i bravissimi giudici hanno avuto qualche difficoltà nel seguire i singoli atleti.

Alle 9.45 puntuali il primo colpo di pistola a dare il la alla prima gara che in campo regionale è dedicata alle esordienti che hanno così fatto da apripista allo spettacolo che ha visto da subito ritmi davvero impressionati, dettati in particolare dagli atleti del comitato di Belluno da sempre portagonisti del circuito invernale.

Dura la vita quindi per gli atleti creatini che hanno comunque affrontato con grande impegno la loro fatica dimostrando una volta ancora la forza del gruppo.

Tra le esordienti prima delle creatine è stata Sara Faedo che si è piazzata al quindicesimo posto, mentre fra i maschi l’accoppiata formata da Alberto Ferrarin e Cristian Trevisan giunge al 22° e 23° posto.

Diversa la situazione nella categoria ragazze con Angelica Maran, già protagonista nelle gare provinciali capace di tener testa alle forti atlete bellunesi con una gara d’attacco fin dai primi metri che le è costata certo tanta fatica nel finale, ma che le ha permesso di ottenere una più che probante ottava piazza con Giada Baldan che invece è partita più sorniona per poi sfoderare un gran finale che le è valso la posizione numero 11, con anche Sara Alba fra le pime 20 e precisamente in 17° posizione; fra i ragazzi vita molto più dura con il migliore dei nostri, Luca Ferrarin al 33° posto seguito a poca distanza da Giovanni Fagan 37° e Samuele Fortuna 38°.

Tra le Cadette Gaia Nicoletti è 24° mentre al maschile salutiamo l’ottima prestazione di Nicolò Boron che conferma ancora una volta quanto di buono già visto quest’anno con una condotta di gara accorta che gli vale la nona piazza seguito dall’ottimo Edoardo Fin che è 12° e da un convincente Alberto Verza che con il 20° posto ritrova fiducia nei suoi mezzi.

Da segnalare quindi l’assenza di atleti Union nella categorie allievi ed allieve, già elemento di riflessione in ambito dirigenziale anche se bisogna dire che a livello generale non sono stati molti i partecipanti.

In corsa con gli allievi anche i veterani con la nostra Irene Pangrazi che è giunta in ottava posizione tra le femmine e tra i maschi l’eterno Francesco Palma che domina incontrastato la propria gara ottenendo l’unica vittoria di giornata targata Union Creazzo che gli vale lo scudetto di campione regionale e molto bene anche Diego Longhin che con il suo nono posto ha ottimi motivi per festeggiare.

Quindi le categorie assolute che vedono al femminile il nono posto di Caterina Urbani fra le junior con Alessia Grignolo 11°; le senior con Anna Peretti capace dell’undicesima piazza e quindi le amatori A con l’ottima prova di Sara Zerbinati che giunge terza con la sorella Michela quarta fra le amatori B.

Infine le categorie maschili in cui l’alto numero di partecipanti e la notevole qualità dei protagonisti hanno reso alquanto interessanti le gare; basti pensare che fra i senior il migliore dei nostri, Alessio De Rossi si piazza al 30° posto.

Negli amatori va decisamente meglio grazie a Edgardo Confessa che seppur imbottigliato nelle fasi iniziali della gara ha saputo rimontare fino alla seconda piazza, che ha sorpreso pure lui, considerata la confusione creata dal miscuglio di ben 4 categorie nella stessa gara; quindi Alex Mazzi che seppur reduce da una forte influenza ha saputo tirar fuori la sua solita grande grinta che gli è valsa la quinta posizione.

Negli amatori B il migliore dei nostri è Fabrizio Micheletto che si piazza al 17°posto che per lui non è propriamente usuale, ma un acciacco alla caviglia purtroppo non gli ha permesso di far meglio; bene invece Enrico Sartori che è in crescita e con il 18° posto è più che soddisfatto.

Le classifiche finali vedono infine il solito duello fra compagini bellunesi e vicentine con la Polisportiva Dueville a dominare la giornata con 735 punti su Valchiampo a 600 punti tondi tondi e quindi bene l’Union Creazzo che con 578 punti si issa al terzo posto e molto bene anche Valli del Pasubio che grazie alle dritte dell’ex maratoneta Orlando Pizzolato, volto noto dell’atletica mondiale degli anni ’80 ha ritrovato nuova linfa vitale e con 420 punti si piazza quarto; al quinto e sesto posto le compagini più forti del comitato di Belluno tra cui la Castionese, già vincitrice lo scorso anno e che giocherà in casa in Marzo nella conclusiva prova del campionato e siamo tutti pronti a scommettere sulla forza offensiva che sarà capace di schierare in quel frangente; ma i vicentini si stanno attrezzando…….