La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » IL GRAN FINALE

IL GRAN FINALE

Il gran finale della stagione su pista del CSI provinciale nasce sotto il segno della pioggia che accoglie i non moltissimi atleti che hanno comunque scelto di partecipare alla gara di staffette a Tezze sul Brenta il 24 settembre.

Pioggia battente, che ha addirittura costretto giudici e società a scegliere se effettuare le gare o annullare la manifestazione.

Dopo le consultazioni ha prevalso la linea dell’azione e quindi la manifestazione con una mezzoretta di ritardo è iniziata; e di fatto, valutata col senno di poi, la decisione è stata azzeccata visto che la pioggia dopo le prime gare è calata di intensita per poi fermarsi e dare spazio anche ad un pallido sole che ha fatto capolino tra le nubi, illuminando il finale della mattinata.

E quindi le gare che hanno preso il via con la staffetta 3×800 master in cui hanno gareggiato solamente 2 compagini targate Union Creazzo formate da Cristiano Spiller, Alex Mazzi e Fabrizio Micheletto che con il tempo di 7’05”8 hanno inscritto anche questa speciale staffetta nell’albo dei record sociali e quindi Alfonso Finetto, un ancora leggermente acciaccato dalle nazionali di Cles Massimiliano Cattani ed Andrea Oliviero che con 7’58”2 hanno guardato da distante i vincitori.

A bomba poi tutte staffette veloci a partire dalla 4×100 assoluta femminile in cui la staffetta Union composta da Alessia Grignolo, Elisabetta Maran, Leila Cattani e Caterina Urbani ha dato sfoggio di una ottima condizione vincendo agevolmente in 54”9 con le amatori B Laura Cabezzoni, Gianello Evelin, Dina Bevilacqua e Nadia Gespari che con il tempo di 1’03”4 realizzano il primo record sociale di staffetta di categoria.

Bene la staffetta 4×100 delle cadette che giunge terza grazie a Elisa Faccini, Giulia Rinaldi, Letizia Parlato e Rebecca Ghezzo in 57”3, ma è nella categoria esordienti femminile in cui il quartetto delle meraviglie formato da Sara Alba, Diletta De Cao, Camilla Massignan e Nicole Capitanio detta legge anche fra i maschi con la 4×50 corsa nel nuovo record sociale di 31”1 che annienta nel vero senso della parola il precedente; le stesse quattro atlete saranno capaci nella staffetta 4×200 di giungere al secondo posto sempre con il record sociale di 2’16”9 battute da una staffetta del Colli Berici formata per tre quarti da maschi a dimostrazione che nella categoria esordienti fortunatamente il gioco dello sport si può ancora condividere in allegria fra maschi e femmine.

Molto bene ancora le staffette svedesi assolute al femminile con ancora il quartetto formato da Alessia Grignolo, Elisabetta Maran, Leila Cattani e Caterina Urbani che si impone in 2’36”6 che manco a dirlo è ancora record sociale con le amatori A e B Gianello Evelin, Dina Bevilacqua, Nadia Gespari accompagnate questa volta da Sara Zerbinati a realizzare il record di 2’56”3 che vale loro il terzo posto.

Da segnalare nel frammezzo la premiazione dei campioni provinciali delle annate 2016 e 2017 che hanno visto più di qualche atleta Union fra i vincenti a partire da Andrea Oliviero e Massimiliano Cattani negli amatori A e B per il 2016 e quindi una scorpacciata di campioni per il 2017 con la categoria esordienti monopolizzata da Nicole Capitanio e Francesco De Cao, quindi Chiara Munari nelle allieve, Simone Zarantonello negli amatori A, Enrico Sartori negli amatori B e Giovanni Giacomazzi nei veterani a dimostrazione che la stagione appena trascorsa è stata davvero proficua per i creatini.

Ed il campionato provinciale? Beh su questo tema in effetti si pensava che l’ultima prova di Tezze sul Brenta avesse un valore in termini di punteggio, cosa che in realtà da quanto si evince dalle classifiche delle staffette non è.

Quindi allo stato dei fatti la classifica combintata fra la stagione delle campestri e le gare su pista fino alla prova di Vicenza del 1 Luglio scorso compresa, vede l’Atletica Union Creazzo al primo posto con 11817 punti sul Dueville a 10380 e quindi distanziato il Colli Berici che realizza i 7766 punti che gli valgono la terza piazza.

Questi risultati, ricavati dalle classifiche della stagione, ma di fatto non ancora ufficiali vedrebbero dopo alcuni anni nuovamente gli atleti di Creazzo festeggiare una stagione intensa, sportivamente combattuta e ricca di ottimi risultati sia a livello individuale che partecipativo .

Una bella soddisfazione che rappresenta anche uno stimolo per iniziare la nuova stagione con la certezza che il lavoro fin qui svolto ha dato i suoi frutti e nuovi semini da coltivare per gli anni a venire.