La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » FUGA PER LA VITTORIA

FUGA PER LA VITTORIA

Union Creazzo in fuga per conquistare la vittoria nel campionato provinciale CSI.

La prova di casa conferma la supremazia della squadra del Presidente Micheletto che a 2 prove dalla conclusione si ritrova con oltre 1000 punti di vantaggio sulla compagine duevillese e quindi può puntare alla vittoria finale con ancor più decisione visto il trend positivo che continua ancora.

Una giornata calda quella di Creazzo che ha visto i volontari fin dalle 6.45 del mattino a preparare le danze aiutati dagli amici dell’AtleticaTrissino che della pista di Creazzo hanno fatto una base di allenamento ricambiando con il loro servizio in occasioni come questa.

E l’intenso programma delle gare ha animato il polisportivo di Creazzo fino alle ore 13.00 con le staffette degli esordienti che hanno degnamente concluso una giornata che si potrebbe definire “veloce” visto che la maggior parte della gare in pista sono state quelle della velocità e degli ostacoli per tutte le categorie giovanili.

Grande partecipazione come sempre e gran lavoro per tutti i giudici che oltre alle fatiche della gestione delle gare si sono sorbiti una giornata di sole davvero estiva soprattutto nel finale.

Gioia ancora allora per i creatini che hanno dominato la giornata con una presenza massiccia ed ancora buone prestazioni e record sociali migliorati con più di qualche atleta che può davvero strizzare l’occhio in vista dell’appuntamento nazionale di settembre; ma la chicca di giornata è la prima atleta Union nella categoria veterane, al secolo Maria Nadia Terrin che, partecipando alla gara dei 100 metri riservata alla sua categoria ha integrato con l’ovvio record sociale la speciale sezione del sito riservata alle migliori prestazioni Union che ora è davvero completa.

Union Creazzo vincente con ben 1813 punti sul Dueville a 1196 e quindi la sfida per il podio fra Colli Berici e Road Salf Altopadovana rispettivamente a 933 e 872 punti con un vantaggio “tattico” a favore della prima che nella stagione delle campestri ha accumulato un discreto margine.

E quindi via con le gare con il mezzofondo privilegiato dalle ore più fresche ed i 1500 metri femminili con le solite ed oramai abiutate alla vittoria Sara e Michela Zerbinati nella categoria amatori A prima e seconda in 5’16”9 e 5’53”4; molto bene anche Evelin Gianello nelle amatori B capace del record sociale di 6’36”7 che le vale l’argento.

Al maschile le galoppate dei creatini si vedono eccome a partire dalla sfida tutta azzurra negli amatori A con un Alex Mazzi combattivo, ma imprudente a imporre un ritmo altissimo che ha favorito il compagno di squadra Cristiano Spiller che a mo’ dei ciclisti si è fatto tirare la volata vincendo in 4’33”9 seguito proprio da Alex che chiude secondo in 4’35”2 e quindi Simone Zarantonello, velocista e certamente non abituato ai ritmi del mezzofondo che chiude in 5’30”2; negli amatori B bella prova di Fabrizio Micheletto che si piazza al secondo posto in 4’44”2, mentre nei veterani nuova migliore prestazione Union per Francesco Palma che iscrive nuovamente il suo nome nei record sociali con una vittoria mai messa in discussione ed il tempo di 4’46”0.

Nei 600 metri esordienti bene Francesco De Cao che giunge terzo in 2’02”3 e quindi la lunga serie delle gare veloci che si apre con il buon argento di Elisabetta Maran nei 100 metri senior che sta ritrovando la verve dei tempi migliori con il tempo di 13”8; quindi le amatori A in cui ritroviamo nuovamente Sara Zerbinati vincente in 15”9 con Michela Benedetti che la accompagna sul podio al secondo posto in 18”5, ma è nelle amatori B che stupisce Nadia Gaspari che con il tempo di 15”0 riscrive il record sociale che le vale uno splendido argento e quindi tra le veterane la sopra citata Maria Nadia Terrin che vince in 18”2.

Creazzo fa la voce grossa anche nei 100 metri allieve con la strepitosa accoppiata formata da una convincente Leila Cattani che in poche gare ha cancellato dei record sociali datati e da Chiara Alba Munari, prima e seconda in 12”9 e 13”1 che si candidano ad un posto in prima fila per le gare nazionali, ma soprattutto in ottica staffette possono davvero far bene; ed ancora velocità con Nicole Capitanio che con grande determinazione si aggiudica la difficile gara dei 50 metri esordienti, anche lei con il record sociale di 7”4 in una sinfonia Union in cui ben 4 atlete sono giunte fra le prime nove e precisamente Diletta De Cao quarta in 7”8 ed un pari merito al settimo posto che vede protagoniste le nostre Camilla Massignan e Sara Alba con il tempo di 8”0; queste 4 atlete saranno capaci nella gara delle staffette 4×50 di una splendida ed emozionante vittoria con record mettendo in riga anche le staffette maschili; il tempo di 31”2 ne è la vivida dimostrazione.

A seguire gli ostacoli con una Elena Santorini brava e veloce; suo il secondo posto nei 60 ostacoli ragazze in 10”3 ed altrettanto brava Annie Capitanio negli 80 ostacoli cadette, sempre argento in 14”3.

Ancora Elena Santorini protagonista nel salto in lungo ragazze con la misura di metri 4,25 che le vale l’argento e quindi i lunghisti uomini che brillano nelle categorie assolute partendo dai senior in cui Carlo Capitanio con metri 5,49 giunge secondo così come fa Simone Zarantonello negli amatori A con 5,25 seguito a ruota da Cristiano Spiller che con metri 5,24 è terzo per chiudere con l’ottimo 5,14 con cui Sergio Capozzi nei veterani annichilisce letteralmente gli avversari e si candida ad un posto fra i protagonista in ambito nazionale oltre che aver realizzato il primato sociale.

Dal getto del peso giungono soddisfazioni e record al di là delle aspettative soprattutto fra le giovani promesse a partire dalla ormai solita Nicole Capitanio che non ha rivali fra le esordienti e vince con metri 9,38; quindi Laura Sartori nelle ragazze, seconda con record a metri 9,62 ed Annie Capitanio sempre seconda con record tra le cadette con metri 9,36 e quindi Michela Benedetti è terza nella amatori A con 5,01.

Ancora lanci con il vortex esordienti che premia nuovamente Francesco De Cao con il bronzo a metri 29,00 e quindi Leila Cattani capace anch’essa del terzo posto nel disco allieve con metri 17,20 che si chiude finalmente con una medaglia maschile ad opera di Michele Sartori che fra i cadetti giunge terzo con metri 26,86 seguito a ruota da Davide Neffat con metri 25,87.

Apoteosi con le staffette e la spettacolare prestazione delle nostre esordienti sopra citate, ma da considerare anche la buona prova fra i maschi del quartetto formato da Francesco De Cao, Luca Ferrarin, Cristian Trevisan e Giovanni Marchetto buoni quarti in 32”7.

E quindi festa per tutti con l’appuntamento fissato già per il 4 Giugno a Borgoricco per la seconda prova regionale in una corsa senza respiro verso l’estate che di fatto è già arrivata.