La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » IL VOLANO

IL VOLANO

Sembra incredibile, dopo le vittorie alle campestri si è come sbloccato un meccanismo; come un volano che stabilizza il moto, così l’Atletica Union Creazzo si è stabilmente issata al primo posto anche nella prima prova regionale CSI che si è svolta a Tezze sul Brenta il 21 Maggio.

Si sa già che la cosa non durerà in eterno, ma il bel momento che stanno vivendo gli atleti creatini aiuta sicuramente a galvanizzare gli animi ed a fornire ulteriore entusiasmo per affrontare le altre prove regionali e provinciali che a ritmo serrato caratterizzeranno il prossimo mese fino al primo di Luglio con l’ultima prova provinciale, ora con ben due obiettivi da difendere: il primo posto nel campionato provinciale ed il primo posto nel ben più impegnativo campionato regionale in cui come ben si sa i punteggi sono molto diversi, ma in cui Vicenza tutta recita un ruolo da protagonista di valore assoluto; lo sta a dimostrare la classifica di società in cui fra le prime nove classificate trovano spazio solo due società non vicentine e precisamente l’Atletica Brentella che è giunta al quinto posto e l’Atleticadore Giocallena che si è piazzata settima.

Union Creazzo quindi felice e vincente con 290 punti sul Dueville a 243 e quindi Salf Altopadovana a 218 e Colli Berici a 212 che è quasi la fotocopia della classifica del campionato provinciale vicentino anche se come già detto i punteggi sono di gran lunga diversi nonostante il numero di atleti partecipanti sia stato altissimo, con oltre 1100 atleti gara che hanno messo a dura prova i meccanismi organizzativi che comunque hanno ben retto, con qualche ritardo, ma ben gestito.

Giornata soleggiata e calda, quindi perfettamente adatta a risultati degni di una manifestazione del genere con alcune gare che sono state un ghiotto anticipo delle finali nazionali su pista in cui da sempre i veneti sono fra i protagonisti principali.

Ed anche Creazzo ha i suoi protagonisti a partire dalle sorelle Sara e Michela Zerbinati che si sono distine nei 3000 metri amatori A con il secondo e terzo posto in 11’32”5 e 12’36”7; 600 metri esordienti con una volitiva Nicole Capitanio che si piazza al sesto posto in 2’02”1 ed un sfortunata ma sempre grintosa Sara Alba che si fa “intruppare” nella concitazione iniziale per poi distendersi e recuperare fino al tredicesimo posto in 2’08”2; al maschile lotta fino alla fine Francesco De Cao in un finale concitato ed ottiene un buon settimo posto in 2’01”2.

Buone cose dai 400 metri femminili a partire dalle allieve con Leila Cattani che con il tempo di 1’02”5 in una gara perfettamente gestita realizza il proprio record personale che è anche primato sociale a che la vale anche una limpida vittoria; vince anche Elisabetta Maran fra le senior in 1’09”9 e quindi è quarta, ma con il nuovo record sociale di 1’22”1, Dina Bevilacqua nella amatori B.

Ancora velocità con i 100 metri sia al maschile che al femminile e partendo dai maschi da segnalare la bella vittoria di Simone Zarantonello fra gli amatori A con il tempo di 11”7, che alle nazionali potrebbe anche valergli la vittoria; prove di finale nazionale anche fra gli amatori B con Massimiliano Cattani che grazie ad un ottimo lanciato ottiene il secondo posto in 12”6 e quindi Giovanni Giacomazzi che tra i veterani giunge terzo in 15”0; al femminile buon quinto posto di Chiara Alba Munari che fra le allieve si piazza quinta in 13”9, Elisabetta Maran fra le senior è terza in 14”1 e Nadia Gaspari la imita nella amatori B in un buon 15”7, record sociale ed a pochi decimi dalla vincitrice.

Fra i giovanissimi si distingue Rebecca Ghezzo negli 80 cadette con il tempo di 10”9 che le vale il quinto posto e da segnalare fra i maschi i risultati di Leonardo Scotuzzi e Boron Nicolò che sono giunti rispettivamente undicesimo e quattordicesimo in 10”2 e 10”3 a pochi decimi dal vincente a dimostrazione della grande sfida che ha caratterizzato la gara che ha visto ben 14 atleti racchiusi in soli 5 decimi di secondo.

Gare di ostacoli riservate solo alle categorie ragazzi in cui al femminile abbiamo visto la bella performance di Elena Santorini, in grande crescita e capace di un più che degno quarto posto in 10”3; al maschile un po’ di gloria per Andrea Campagnolo che giunge decimo in 10”9.

Nella pedana del lungo giornata d’oro ancora per Leila Cattani che nel salto triplo allieve ottiene ancora una volta record personale e record sociale con la misura di metri 10,50; la accompagna sul podio Caterina Urbani che con 10,43 si piazza seconda e quindi completano la festa Alessia Grignolo, Noemi Martini e Denise Celsan che con le misure di metri 9,52, 9,47 e 8,67 sono quarta, quinta e sesta; tra i pari età al maschile bene Michele Sartori ed Andrea Zamunaro, terzo e quarto a pochi centimetri uno dall’altro con le misure di metri 11,42 ed 11,35.

Nel salto in lungo Elena Santorini non delude e con la misura di metri 4,25 è sul podio al terzo posto con Laura Sartori quinta con metri 4,10.

Al maschile protagonisti i master creatini che si inseriscono sul podio in ogni classifica a partire dagli amatori A con Simone Zarantonello secondo con 4,98 ed uno sfurtunato Andrea Peloso che con metri 4,69 guadagna la quarta piazza, ma anche e purtroppo per lui una dolorosa contrattura che gli auguriamo di risolvere al più presto; negli amatori B sfida all’utimo centimetro con Enrico Sartori che nonostante un fastidio al piede conquista il secondo posto con metri 5,10 seguito da Massimiliano Cattani con metri 5,05; infine i veterani e Giovanni Giacomazzi che non delude ed è secondo con metri 4,15.

Avanti con i lanci e con il vortex esordienti in cui Francesco De Cao è quinto con metri 35,21, ma è da segnalare il bell’exploit di Camilla Massignan che lancia bene e lungo ed ottiene il nuovo record sociale con metri 28,99 ed è quinta con Diletta De Cao ottava con metri 25,95.

Quindi il lancio del disco in cui brilla finalmente Giulio Marchetto che trova in questa gara il giusto premio al suo costante impegno ed anche la sua dimensione agonistica; suo il terzo posto con metri 23,93; al pari di Giulio anche Eddy Zanettin si piazza terzo negli amatori A con metri 20,0, mentre negli amatori B Enrico Sartori è quinto con metri 23,53.

Chiudiamo la carrellata con il getto del peso che ha dispensato gioie alle nostre master in particolare alle amatori B che hanno monopolizzato la gara con ben 5 atlete Union che si sono ben comportate: Nadia Gaspari è seconda con metri 7,22, quindi Dina Bevilacqua terza con 7,19, poi Lara Vencato sesta con 6,05, Laura Cabezzoni settima con 5,81 e Gianello Evelyn ottava con 4,95. A far festa con loro anche Michela Benedetti che con metri 5,01 è terza nelle amatori A.

A stretto ritmo ora segue la provinciale di Creazzo già per domenica 28 augurandoci che, giocando in casa, il volano Union Creazzo continui la sua corsa infondendo ulteriore entusiasmo per una stagione atletica che sta entrando nelle sue fasi più calde e non solo perché l’estate è vicina.