La Vostra Richiesta è stata correttamente inviata. Attendete conferma via mail

Inviate Richiesta Iscrizione - Inserire E-Mail

Chiudi
Home » Articoli Gare » FINALMENTE SI CORRE

FINALMENTE SI CORRE

16 Febbraio 2014. Dopo 2 mesi finalmente il circuito delle campestri CSI riprende la propria corsa, fermato per ben due volte dalla pioggia di questo inesistente inverno, che ha costretto a più di un rinvio la campestre di Mossano che verrà probabilmente recuperata il 9 Marzo.

Ed il greto del fiume Brenta vicino al paese di Fontaniva ha accolto gli atleti in una splendida cornice preparata ad hoc dagli organizzatori della Road Salf Altopadovana che dopo alcuni anni ospitano nuovamente un cross provinciale.

Il tempo è stato clemente ed un sole tiepido ha fatto la sua comparsa sul finale delle gare che si sono svolte tutte nei tempi stabiliti in un circuito quasi completamente pianeggiante, fatta salva una salitella appositamente posizionata a circa 200 metri dalla fine che ha reso maggiormente interessante il tutto.

L’ampia partenza non è stata purtroppo sfruttata appieno, tranne che per alcune delle categorie giovanili, in quanto la partecipazione non è stata ai livelli delle scorse gare con circa 430 atleti presenti, ma forse in molti non si sono fidati del tempo che ripetiamo non ha certo aiutato in questi mesi.

E l’assenza di più di un tesserato si è vista nei punteggi finali che sono stati decisamente inferiori rispetto agli standard anche se in realtà la storia che si ripete ha visto comunque primeggiare il Dueville con 1120 punti seguito dall’Union Creazzo con 858 e dal Montecchio Precalcino con 521.

E come si diceva in precedenza  molte gare hanno visto un ridotto numero di atleti al via, con le sole categorie esordienti e ragazzi, sia maschili che femminili a mantenere degli standard più elevati offrendo un bel colpo d’occhio alla partenza.

Per gli atleti di Creazzo le classifiche cominciano a contare visto che avvicinandosi il finale della stagione invernale, si iniziano a fare i conti su chi quest’anno si potrà fregiare del titolo di Atleta di Fango ed i nomi papabili sono più di uno a cominciare da Annie Capitanio che nelle esordienti mantiene sempre una ottima posizione di classifica ed anche in questa tornata si classifica al terzo posto dopo una gara davvero tirata in cui ha nutrito anche la speranza di agguantare il secondo posto. Nella categoria ragazze Creazzo rappresenta una vera a propria potenza con Leila Cattani che prende in mano la gara dal primo all’ultimo metro con una condotta di gara autoritaria, seguita da Anita Francis, bravissima a tenere il ritmo della compagna quasi fino alla fine e non da meno sono Camilla Citarella, sesta e Chiara Alba Munari, ottava, a comporre uno squadrone che alle gare nazionali avrà sicuramente qualcosa da dire.

Ottima davvero la prova di Lucrezia Palma nelle cadette che sorniona ha atteso gli ultimi metri per bruciare letteralmente le avversarie giungendo ad un niente dalla vincitrice, con Caterian Urbani settima; nei cadetti Sean Rampazzo dà spettacolo, provando più volte a staccare gli avversari, giocandosi l’ultima chance in un attacco finale da lontano, ma si deve accontentare del secondo posto che non è comunque cosa da poco. Erica Dal Passo Carabelli conferma il suo impegno con il secondo posto nelle junior, ed è proprio nei cross lunghi delle categorie junior e senior che si fa notare l’assenza di atleti Union con il solo Diego Melison a partecipare fra i maschi.

Diverso il discorso negli amatori A con il Presidente Fabrizio Micheletto capace di un bel secondo posto con una dimostrazione di ottima forma e bravo anche Alex Mazzi che arriva quarto.

Infine il cross corto che nei master vede Francesco Palma vincente in grande spolvero con una gara tiratissima fin dal primo metro seguito da Massimiliano Cattani che arriva terzo, beffato nel finale, ma ugualmente contento.

Appuntamento a Montecchio Precalcino il 2 Marzo con una classica del circuito, per poi chiudere con la campestri provinciali molto probabilmente il 9 Marzo con il recupero della gara di Mossano, sperando nella clemenza di questo tempo pazzerello.